7.6 C
New York
martedì, 14 Luglio, 2020
    

RECANATI: AL VIA LUNARIA le magiche notti di spettacolo sotto le stelle

Recanati: al via Lunaria le magiche notti di spettacolo in piazza Leopardi Quattro grandi serate live con la rassegna estiva ideata da Musicultura INGRESSO LIBERO...

Ultimi articoli

Dramma Aurier, ucciso il fratello a colpi di pistola

Christopher, fratello del calciatore ivoriano del Tottenham, è morto questa mattina all'alba a Tolosa, nel sud-ovest della Francia TOLOSA (Francia) - Christopher Aurier, fratello del calciatore ivoriano Serge...

Lega Serie A, dossier alla Figc: “Chiudiamo il campionato con gli stadi aperti”

"Un articolato protocollo sarà inviato nelle prossime ore al presidente Gabriele Gravina affinché possa utilizzarlo nelle interlocuzioni con le istituzioni governative competenti", si legge...

Sprofondo Ferrari, la frase di Binotto che ha fatto infuriare i tifosi

Disastroso autoscontro alla terza curva: Charles con la sua Rossa sopra quella di Sebastian come in un videogioco. Vetture distrutte, doppio zero in casella...

RECANATI: AL VIA LUNARIA le magiche notti di spettacolo sotto le stelle

Recanati: al via Lunaria le magiche notti di spettacolo in piazza Leopardi Quattro grandi serate live con la rassegna estiva ideata da Musicultura INGRESSO LIBERO...

Cristiano Ronaldo, rabbia e lavoro per risollevare la Juve

Mercoledì era tra i più delusi, ora cerca la rivincita nell’unico modo che conosce: allenandosi ancora di più

TORINO – Perdere non piace a nessuno. Perdere una finale meno che mai. Perderne due di seguito per la prima volta, avendone giocate 31, deve bruciare parecchio, specialmente a uno come Cristiano Ronaldo, che anche sulla competitività, oltre che sui doni di madre natura, ha costruito una carriera già leggendaria. L’ha costruita, però, anche sull’equilibrio, senza il quale non si resiste a pressioni come quelle di chi ha addosso gli occhi del mondo ogni volta che gioca, senza il quale non si superano diventando più forte di prima annate in cui il Barcellona di Messi e Guardiola ti arriva sempre davanti, fino a pareggiare il conto dei Palloni d’Oro con il rivale (poi riportatosi avanti 6-5 con l’ultimo trionfo) e a vincere una Champions in più. Ronaldo c’è riuscito lavorando in modo maniacale e spingendo sempre più avanti i propri limiti e così è deciso a superare la delusione mai provata prima di uscire due volte sconfitto mentre a bordo campo c’era un trofeo: la Coppa Italia mercoledì sera all’Olimpico, la Supercoppa italiana il 22 dicembre a Riad. […]

CR7 si è allenato con la solita totale dedizione durante il lockdown e ha potuto anche sfruttare un campo, ma neanche lui ha ovviamente potuto giocare partite: «I suoi dati atletici a livello di quantità di corsa sono i migliori della stagione, segno che si è allenato molto – ha spiegato Sarri nel post partita – ma quelli qualitativi, accelerazione e velocità massima, non sono ai suoi standard: è l’inevitabile effetto della mancanza di competizione». Senza contare che Ronaldo sa di essere atteso da almeno un altro mese e mezzo di competizione in cui si giocherà ogni tre giorni ed è deciso a far sì che si trasformi in due mesi, aggiungendo la final eight di Champions che si giocherà nel suo Portogallo. Non poteva essere già al top. Ma vuole esserlo presto e restarlo a lungo. 

Fonte: tuttosport.com di Sergio Baldini -> https://www.tuttosport.com/news/calcio/serie-a/juventus/2020/06/19-70866538/cristiano_ronaldo_rabbia_e_lavoro_per_risollevare_la_juve/