Home / Musica/Eventi / Millennium dei Backstreet Boys compie 20 anni

Millennium dei Backstreet Boys compie 20 anni

Millennium è il terzo album dei Backstreet Boys. Uscito nei negozi il 18 maggio 1999, è considerato come uno dei massimi successi della pop band statunitense.

20 ANNI FA…
Già prima del loro terzo disco i Backstreet Boys erano una delle boy band più affermate della seconda metà degli anni Novanta. Nati nel 1993 in Florida, dopo una lunga gavetta che li ha portati ad esibirsi in lungo e in largo per il Nordamerica, nel 1994 firmarono per la Jive Records, etichetta che negli anni sarà una delle più importanti in ambito pop. Prima del debutto discografico, i cinque avranno l’occasione di collaborare con il giovane produttore svedese Max Martin, con il quale lavoreranno in futuro.
Le prime pubblicazioni del gruppo si rivelano un po’ confusionarie in giro per il mondo: mentre in tutte le altre nazioni il gruppo rilascia due lavori, Backstreet Boys e Backstreet’s Back (lanciati da singoli come Get DownAnywhere For YouEverybodyAs Long As You Love MeQuit Playin’ Games (with My Heart)), negli States il gruppo rilascia una versione di Backstreet Boys che in realtà mette assieme canzoni da questi due lavori. Il gruppo negli Stati Uniti inizialmente fatica a decollare, ottenendo ottime vendite solo dal 1998 (anno successivo all’uscita del disco di debutto). In Europa invece la band gode da subito di una clamorosa fama soprattutto nei paesi di lingua tedesca. Il gruppo arriva quindi al 1999 forte di decine di milioni di copie vendute con praticamente due dischi; un traguardo importante anche in un’era nella quale il mercato discografico sfoderava importanti numeri.

IL DISCO
Definire Millennium come uno dei dischi pop più importanti del pop anni Novanta può essere oggetto di discussione, di sicuro è stato uno dei lavori più attesi dai fan. Il gruppo, forte del crescente successo ottenuto nei due anni precedenti e di una hit come I Want It That Way scelta come primo singolo, riesce a battere ogni record a livello mondiale: le copie vendute in tutto il mondo saranno più di 30 milioni, tra cui quasi 1,2 milioni alla settimana di debutto, e praticamente in tutto il mondo troverà spazio nelle Top 5 delle classifiche di vendita, compresa quella prima posizione in Billboard che non ottennero con il disco di debutto. Tra i dischi più venduti del decennio, resterà in Billboard 200 per quasi due anni.
Dietro il successo di Millennium c’è una persona che la band aveva già incrociato nel passato, quello svedese Max Martin che sarà il co-autore di tutti i singoli di successo estratti dal disco. Lo scandinavo sin dalla sua giovane età (non era neanche trentenne nel 1999) riuscì a ritagliarsi il ruolo di Re Mida del pop a cavallo tra secondo e terzo millennio diventando negli anni il fautore del successo, oltre degli stessi Backstreet Boys, di artisti come Nsync, Maroon 5, Katy Perry, Britney Spears e Taylor Swift. Un dato curioso: anche grazie ai quattro singoli da lui scritti per Millennium, condivide il podio di maggior numero di singoli in vetta come autore con i due ex Beatles John Lennon e Paul McCartney.

Tornando ai BSB, con Millennium la band colleziona numerose hit che resteranno impresse nella memoria dei fan. Con una chicca già dall’inizio, quella Larger Than Life che mostra che l’attitudine pop-rock del gruppo non è morta con Everybody. Ma è con le ballad che il gruppo offre il meglio di sé, come ad esempio l’altro brano promozionale Show Me The Meaning Of Being LonelyI Need You Back o la latineggiante Spanish EyesMillennium è un lavoro solido dalla prima all’ultima nota, con alcuni episodi da teen band più freschi come una It’s Gonna Be You o una Don’t Want You Back e soprattutto una non banalità a livello di produzione.
Il tour di supporto fu un successo di più di centoventi date tra Europa e Nordamerica distribuite in quasi un anno tra giugno 1999 e marzo 2000, tra cui cinque concerti in Italia tra Roma, Milano e Viareggio.

…E OGGI
Pur non riuscendo più a replicare il successo planetario degli anni Novanta, i Backstreet Boys si ritaglieranno nel Terzo Millennio il ruolo di gruppo che negli anni riesce a scrollarsi di dosso l’ombra di boy band, svelando la natura di vero e proprio ensemble vocale. Le ottime vendite saranno ancora un fil rouge della loro storia, come il quarto lavoro Black And Blue o il best of Chapter One, per non parlare di quel Never Gone che sarà anche l’ultimo lavoro con la band al completo per alcuni anni, con l’uscita di Kevin Richardson che rientrerà nei ranghi nel 2012. Il 2017 sarà inoltre l’anno della loro residency a Las Vegas che si svilupperà per più di 80 serate. Nel 2019 tornano al primo posto di Billboard 200 grazie a DNA, album che presenta un gruppo che ancora oggi ha i numeri per dire la sua nel mondo del pop.

Fonte: .onstageweb.com di Nicola Lucchetta ----> https://www.onstageweb.com/notizie/backstreet-boys-millennium-1999/

Check Also

Esce il 7 giugno il nuovo album di AimaD

Il 7 giugno 2019 uscirà La follia dell’esistere, primo album di AimaD che conterrà 12 brani di cui …