7.6 C
New York
venerdì, 26 Novembre, 2021

Ultimi articoli

Massimo Boldi: “Non ho litigato con De Sica. Berlusconi, più bravo di me a dire barzellette. Mi sono iscritto a Tinder e ho ricevuto richieste terribili”

massimo-boldiL’attore è stato intervistato dal programma radiofonico Un giorno da pecora.

Massimo Boldi tornerà al cinema a partire dal prossimo 1° dicembre con il suo cinepanettone dal titolo Un Natale al Sud.

Per l’occasione l’attore e comico milanese è stato intervistato dal programma radiofonico di Radio1, Un giorno da pecora.

Inevitabili, anche questa volta, sono state le domande riguardo l’amicizia e il sodalizio artistico con Christian De Sica, interrotto circa dieci anni fa. Massimo Boldi ha dichiarato di non aver mai litigato con De Sica, non nascondendo, però, una certa stanchezza nel rispondere sempre alle medesime domande:

Il comico italiano che mi fa ridere di più è Christian De Sica. Se abbiamo litigato? Ma chi l’ha detto? Sono bazzecole. Il nostro sodalizio si è rotto ma cosa vuol dire? Ci sono persone che rimangono insieme per tutta la vita e poi si separano. Ci siamo separati professionalmente. Umanamente mi manca, professionalmente forse, non lo so. Ancora un film insieme? Meglio che non ne parliamo, ormai sono discorsi buttati al vento. Non lo so, ma ormai sono dieci anni che ci siamo separati e ancora parliamo questa cosa?

Christian de Sica torna a parlare di Massimo Boldi: le dichiarazioni rilasciate a Verissimo.

Per il film Un Natale al Sud, Massimo Boldi si è documentato riguardo le app che permettono di incontrare e conoscere nuove persone. Il comico, quindi, si è iscritto a Tinder con risultati tragicomici:

Quando abbiamo pensato al film, mi sono iscritto a Tinder. Dopo due ore mi sono dovuto cancellare. Sono arrivare delle richieste terribili, di tutti i tipi: donne, ma anche uomini, che mi volevano incontrare.

Parlando di Silvio Berlusconi, Massimo Boldi, invece, ha dichiarato che l’ex premier è più bravo di lui nel raccontare le barzellette (e ne abbia avuta ampia dimostrazione in passato). Qualche tempo fa, inoltre, si parlò anche di un presunto film di Paolo Sorrentino su Berlusconi, con Boldi protagonista. A riguardo, l’attore ha dichiarato di non essere stato contattato da nessuno:

Berlusconi è più bravo di me a dire barzellette: le inventa, le colorisce, le interpreta. Anche se sono un po’ sporche, così la gente ride di più. Il film su Berlusconi? Non lo so com’è finita la vicenda, vorrei saperlo anche io. Nessuno mi aveva chiamato comunque.

Per quanto riguarda i rimpianti, infine, Massimo Boldi ha svelato che ha dovuto rinunciare ad una proposta di un agente americano che aveva l’obiettivo di farlo lavorare negli Stati Uniti:

C’è solo una cosa che mi sarebbe piaciuta fare e risale al 1995. Quell’anno feci Vacanze di Natale ’95 con Luke Perry. Sul set, il suo agente americano venne a dirmi che voleva rappresentarmi per gli Stati Uniti. Io gli risposi che non parlavo inglese e lui mi rispose che non volevano la mia voce ma la mai faccia. Dietro di me, però, avevo il mastino napoletano, De Laurentiis, che mi bloccò e mi disse: “Gli americani so’ tutti cazzoni”. In America, mi sarebbe piaciuto fare un film per la Disney, che sarebbe stato straordinario.

Fonte: gossipblog.it

Latest Posts

spot_imgspot_img

Da non perdere

massimo-boldiL’attore è stato intervistato dal programma radiofonico Un giorno da pecora.

Massimo Boldi tornerà al cinema a partire dal prossimo 1° dicembre con il suo cinepanettone dal titolo Un Natale al Sud.

Per l’occasione l’attore e comico milanese è stato intervistato dal programma radiofonico di Radio1, Un giorno da pecora.

Inevitabili, anche questa volta, sono state le domande riguardo l’amicizia e il sodalizio artistico con Christian De Sica, interrotto circa dieci anni fa. Massimo Boldi ha dichiarato di non aver mai litigato con De Sica, non nascondendo, però, una certa stanchezza nel rispondere sempre alle medesime domande:

Il comico italiano che mi fa ridere di più è Christian De Sica. Se abbiamo litigato? Ma chi l’ha detto? Sono bazzecole. Il nostro sodalizio si è rotto ma cosa vuol dire? Ci sono persone che rimangono insieme per tutta la vita e poi si separano. Ci siamo separati professionalmente. Umanamente mi manca, professionalmente forse, non lo so. Ancora un film insieme? Meglio che non ne parliamo, ormai sono discorsi buttati al vento. Non lo so, ma ormai sono dieci anni che ci siamo separati e ancora parliamo questa cosa?

Christian de Sica torna a parlare di Massimo Boldi: le dichiarazioni rilasciate a Verissimo.

Per il film Un Natale al Sud, Massimo Boldi si è documentato riguardo le app che permettono di incontrare e conoscere nuove persone. Il comico, quindi, si è iscritto a Tinder con risultati tragicomici:

Quando abbiamo pensato al film, mi sono iscritto a Tinder. Dopo due ore mi sono dovuto cancellare. Sono arrivare delle richieste terribili, di tutti i tipi: donne, ma anche uomini, che mi volevano incontrare.

Parlando di Silvio Berlusconi, Massimo Boldi, invece, ha dichiarato che l’ex premier è più bravo di lui nel raccontare le barzellette (e ne abbia avuta ampia dimostrazione in passato). Qualche tempo fa, inoltre, si parlò anche di un presunto film di Paolo Sorrentino su Berlusconi, con Boldi protagonista. A riguardo, l’attore ha dichiarato di non essere stato contattato da nessuno:

Berlusconi è più bravo di me a dire barzellette: le inventa, le colorisce, le interpreta. Anche se sono un po’ sporche, così la gente ride di più. Il film su Berlusconi? Non lo so com’è finita la vicenda, vorrei saperlo anche io. Nessuno mi aveva chiamato comunque.

Per quanto riguarda i rimpianti, infine, Massimo Boldi ha svelato che ha dovuto rinunciare ad una proposta di un agente americano che aveva l’obiettivo di farlo lavorare negli Stati Uniti:

C’è solo una cosa che mi sarebbe piaciuta fare e risale al 1995. Quell’anno feci Vacanze di Natale ’95 con Luke Perry. Sul set, il suo agente americano venne a dirmi che voleva rappresentarmi per gli Stati Uniti. Io gli risposi che non parlavo inglese e lui mi rispose che non volevano la mia voce ma la mai faccia. Dietro di me, però, avevo il mastino napoletano, De Laurentiis, che mi bloccò e mi disse: “Gli americani so’ tutti cazzoni”. In America, mi sarebbe piaciuto fare un film per la Disney, che sarebbe stato straordinario.

Fonte: gossipblog.it