domenica, 3 Marzo, 2024

Ultimi articoli

“MACKAYE” è il nuovo album dei NON VOGLIO CHE CLARA

Un disco composto, prodotto e curato interamente dalla band bellunese, che segna il suo ritorno sulle scene a distanza di 3 anni dal precedente “Superspleen vol.1”.

«Uno sguardo rivolto al periodo della nostra tarda adolescenza: mi piace pensare sia un po’ il nostro disco hardcore: diretto, conciso e resiliente» (Fabio De Min)

Dieci tracce scritte in un lasso di tempo esteso e solo in seguito affidate agli strumenti, anticipate dal singolo “Lucio” (in uscita a fine ottobre), entrato a far parte della colonna sonora de “Il compleanno di Enrico”, film di Francesco Sossai presentato al Festival di Cannes 2023 nella sezione Quinzaine de Cinéastes e vincitore dell’International Film Award al Festival Curtas Vila do Conde.

«So guidare a fari spenti come Lucio» svela il terzo Caronte, in ordine di tracklist, di questo vagabondare in compagnia di Non voglio che Clara. Si tratta di Battisti, con un’evidente eco ad Emozioni.

E se la canzone che dà il titolo all’intero lavoro, “MacKaye”, è uno spiritual elettrico suonato su un cardiogramma imbizzarrito, che immortala in una foto immaginaria lo scenario delle magliette dei Misfits in vendita da OVS, «i figli che siamo stati e i padri che diventeremo», ad accompagnare gli ascoltatori in questo viaggio c’è anche “Miles”, un brano che narra di adolescenza, noia e abbandono. Dove Miles è, chiaramente, Robert. Sì, proprio lui, quello di “Children”. Ma è un trip senza meta (anche) attraverso la storia e il vissuto degli ascoltatori, un rivivere i propri ricordi senza lasciar vincere la nostalgia sul presente.

A questo proposito, Fabio De Min ha raccontato: «Confesso di essermi spesso sorpreso del disinvolto utilizzo del name-dropping nelle canzoni che passano alla radio, tanto da interrogarmi, durante la scrittura del disco, se il ricorrere alla medesima pratica non comportasse il rischio di cadere nel volgare. Alla fine, consci del fatto che le canzoni non diventano né peggiori né migliori se le chiami col nome di qualcuno più bravo di te, l’abbiamo fatto: abbiamo intitolato un brano “Miles”, uno “Lucio” e “MacKaye” è diventata addirittura una dichiarazione di intenti prendendosi il titolo del disco. Non è nostalgia (che ne so io di cosa ne sanno i duemila? Andate a chiederlo direttamente a loro). Non è neanche la ruffianeria presuntuosa di un omaggio, ma piuttosto un’istantanea, fulminea, che arriva da lontano a suggerirci una chiave di lettura per ciò che ci è vicino, che giunge a ricordarci da dove proveniamo e che le idee talvolta ci appartengono, ma più spesso siamo noi ad appartenere loro».

Dieci episodi che riconfermano la complessità e il fascino di un progetto che sembra non invecchiare mai.

CREDITS 

Scritto da Fabio de Min e Non voglio che Clara
Prodotto da Martino Cuman e Non voglio che Clara

Registrato a Sotto il mare Recording Studios con Luca Tacconi, Il Terzo Mondo Studio con Giampaolo Rossi, Centro di Musica Unisono con Davide De Faveri.

Mixaggio di Martino Cuman
Mastering di Marcello Batelli

Foto di copertina di Marcello Batelli
Progetto grafico e impaginazione di Igor De Paoli

Fabio De Min: voce & vocoder, pianoforti & piani elettrici, chitarre acustiche ed elettriche, sintetizzatori, drum machine
Marcello Batelli: chitarre elettriche, acustiche e classiche, drum machine, sassofono, cori & vocoder, battimani
Martino Cuman: basso elettrico, sintetizzatori, drum machine, cori & vocoder, tambourine, battimani
Igor De Paoli: batteria, drum machine, cori, tambourine & shaker
Edoardo Piccolo: sintetizzatori.
Beatrice Gjergji: voce in “MacKaye”

Formato: Digital / LP
Label: Dischi Sotterranei
Michele Novak – sotterranei.mgmt@gmail.com
Distribuzione: Believe
Booking: RC Waves – Dario Bracaloni – dario@rcwaves.it.

NON VOGLIO CHE CLARA – BIOGRAFIA

Non voglio che Clara inizia a farsi notare nel 2004 grazie a Caffè Cortina, un demo che finisce col raccogliere i primi consensi, portandoli nel giro di pochi mesi ad incidere Hotel Tivoli, esordio discografico targato Aiuola Dischi /Universal, salutato da molta stampa di settore come miglior disco italiano dell’anno. Nel 2006 esce il secondo omonimo lavoro del gruppo: un disco sul disincanto, sul non-amore, sulle angosce relazionali. In quello stesso anno Non voglio che Clara entra a far parte del roster di DNA Concerti mentre il disco viene candidato al premio Tenco, giungendo secondo come miglior opera d’esordio. Nel 2010 esce Dei Cani, terzo disco del gruppo. Prodotto da Fabio de Min e Giulio Ragno Favero (Teatro degli Orrori), l’album viene accolto in maniera entusiastica da pubblico e critica, finendo in cima alle classifiche delle migliori uscite dell’anno su numerose testate del settore. Nel 2011 la band si aggiudica il premio KeepOn 100% best live dedicato alla musica dal vivo italiana. L’amore fin che dura è il titolo del quarto disco, uscito nel 2014 per Picicca /Warner /Sony e prodotto nuovamente da Giulio Ragno Favero, che compare fra gli ospiti assieme a Rodrigo d’Erasmo. Superspleen vol.1 esce nel 2020 per Dischi Sotterranei /Lavorarestanca /Big Maff. Prodotto dalla stessa band e mixato da Fabio Trentini (Guano Apes, Naked Truth, H-Blockx), il disco espande la vena elettronica già abbozzata nel disco precedente, ampliando gli orizzonti stilistici della band. E si aggiudica il premio Rock Targato Italia come miglior disco dell’anno. MacKaye è il sesto lavoro del gruppo ed è prodotto e curato interamente dalla band. Lucio, singolo anticipatorio, è stato scelto dal regista Francesco Sossai come colonna sonora del film Il compleanno di Enrico, presentato al Festival di Cannes 2023 nella sezione Quinzaine de Cinéastes e vincitore dell’International Film Award al Festival Curtas Vila do Conde.

Discografia:

2004 Hotel Tivoli (Aiuola Dischi /Universal)
2006 Non voglio che Clara (Aiuola Dischi /Universal)
2010 Dei cani (Sleeping Star/Self)
2014 L’amore fin che dura (Picicca Dischi/Sony)
2020 Superspleen vol.1 (Dischi Sotterranei/ Lavorarestanca/ Audioglobe)
2023 MacKaye (Dischi Sotterranei)

SOCIAL

SPOTIFY

INSTAGRAM

FACEBOOK

Ufficio stampa: Press is More

Latest Posts

Da non perdere