martedì, 28 Maggio, 2024

Ultimi articoli

Intervista su Radio City Light agli SNEER che ci presentano il loro album di debutto “YOUNG_AGAIN”

É uscito venerdì 22 marzo 2024 su tutte le piattaforme digitali, per Record Y il primo disco degli Sneer dal titolo “young_again”.

Mescolando elementi di rock, funk, jazz, hip-hop e con un’attitudine lo-fi, il disco propone una variegata soluzione di numerose corte composizioni, prodotte ad hoc con una dose massiccia di post-produzione e strumenti alterchi dal loro normale utilizzo. Oltre a sax baritono, soprano e tenore, chitarra baritona, classica ed elettrica e batteria elettronica e acustica, il full-length si presenta distorto e compresso in un pacchetto di meno di 40 minuti. Un viaggio da sorseggiare sia a piccole dosi che tutto dʼun fiato.

Abbiamo intervistato uno di loro, Michele Zuccarelli Gennasi (batteria), chiedendogli qualcosa in più su questo disco complesso e del tutto nuovo.

 

INTERVISTA

Un disco che ha comportato “una massiccia dose di post- produzione” può essere suonato anche dal vivo? Come vi state comportando voi a riguardo? 

Assolutamente sì! Non crediamo nella riproduzione esatta di quello fatto in studio perchè sono 2 momenti separati ed essendo noi nati prima come performer e musicisti dal vivo ci divertiamo molto a riproporre i brani in un’altra salsa, concentrandosi più sull’interplay tra di noi e con il pubblico. 

Credete che il vostro disco possa essere ascoltato e assorbito anche da chi non ha una formazione musicale o un background jazzistico? 

C’è questa strana convinzione che per ascoltare certa musica, bisogna avere le orecchie preparate. Per quale motivo? C’è da “capire” qualcosa?
A parte tutto, noi non facciamo Jazz. Quindi per rispondere alla domanda: sì, può essere ascoltato da tutti. Abbiamo ricevuto pareri positivi da tutte le fazioni 😉 

Quando avete iniziato insieme? E quali erano le vostre intenzioni iniziali? 

Il trio è nato come un duo tra Francesco (chitarra) e Ivan Maddio, un sassofonista della zona di Lecco, successivamente sono subentrato io. Il progetto si è arenato per via del Covid e ha ripreso solo nel 2021, quando io e Francesco abbiamo deciso di chiedere a Max se voleva unirsi al barcone <3. 

Dite che “young_again” è un viaggio da sorseggiare sia a piccole dosi che tutto d’un fiato. Come quale altro cocktail?

Non per flexare (termine molto young, young again!) ma… nessun’altro cocktail. Un’insieme sì! Potrebbe essere la secchezza di un Manhattan, mescolato con la freschezza di un Gin Tonic… forse il Long Island potrebbe avvicinarsi! 

Qualche similitudine che può venirvi in mente? Questo disco è come…? 

Quando ti alzi al mattino e non ti rendi conto ancora se stavi sognando o sei desto.

 

SOCIAL

INSTAGRAM

 

Latest Posts

Da non perdere