Home / Musica/Eventi / Con Fantastic Negrito si fa un giro a 360 gradi nella black music

Con Fantastic Negrito si fa un giro a 360 gradi nella black music

È stato un live esaltante quello di Fantastic Negrito ieri al Circolo Magnolia di Segrate, Milano, per la seconda delle quattro date italiane del cantautore di Oakland, che già passato da Roma, toccherà Cesena, venerdì 14, e Padova, il giorno seguente. Un’immersione a 360 gradi nella crema della black music, per una scaletta di sedici pezzi e un’ora e mezza circa di show guidati da un Fantastic Negrito in grande spolvero.

Introdotto dal duo bresciano Superdownhome, che davanti a una platea già gremita ha suonato il materiale dal suo ultimo lavoro Get My Demons Straight: blues rurale chitarra, voce e batteria, Xavier Amin Dphrepaulezz (aka Fantastic Negrito) entra in scena a gamba tesissima con la tripletta My Time In L.A.Bad Guy Necessity e Scary WomanSi sta ancora scherzando in realtà, ma tempo tre pezzi e l’atmosfera è già quella di un rito collettivo con il pubblico che segue Negrito passo dopo passo in questo viaggio tra le radici e la contemporaneità della musica black, di cui l’artista di Oakland è un nutriente frullatone. Entro la fine del live nel verbo di Fantastic Negrito si sarà sentita l’eredità di una gran quantità di mostri sacri, da Muddy Waters a Howlin’ Wolf, attraverso tutto l’hard blues da loro generato (i Led Zeppelin su tutti), da James Brown a Prince, suo mentore dichiarato, da New Orleans a Chicago, passando da Detroit, dalla Chess Records alla Motown, fino a Ben Harper e svariate sfumature di grunge, un’influenza difficilmente evitabile per un ragazzo classe ’68, venuto su a Oakland, California.

Si prosegue con A Cold Novembre Street legata senza soluzione di continuità a Hump Thru The Winter, con una formazione a quattro, sprovvista occasionalmente del basso e formata da batteria, chitarra, tastiere e Negrito alla voce, chitarra e tastiere, che scarica sul Magnolia un sound super groovy, pieno di stacchi e variazioni dinamiche: un set musicalmente perfetto, al quale è letteralmente impossibile resistere.

Fantastic Negrito, che dire, sul palco è un eroe. Non solo è un musicista incredibile, ma un vero intrattenitore, in grado di guidare il pubblico attraverso una mescola, talvolta difficilmente districabile, di intensità e leggerezza, tenebra e luce, mattatore, leader e profeta. Di tanto in tanto si inoltra in discorsi incendiari, in stile predicatore e in uno slangpraticamente incomprensibile, tanto che anche lui se ne rende presto conto: «Scusate questo è black english, tradurrò in inglese questa roba per voi».

Tranquillo, Negrito, il tuo verbo arriva chiaro e forte sull’onda di pezzi come An Honest ManA Boy Named Andrew e Transgender Bisquits, trittico potentissimo a condurre verso l’occhio del ciclone: una sezione di calma apparente, ma dall’elevatissimo tasso emotivo formata dal bluesettone tradizionale In the Pines (Oakland) – esatto, quella rifatta anche dai Nirvana nel leggendario MTV Unplugged – la ballad in memoria di Chris Cornell, con cui Xavier ha condiviso un tour da opening act e una bella amicizia, Dark Windows, il vero cuore del live, da cui si esce con l’intenso humming di Lost In A Crowd.

In totale equilibrio tra pezzi dall’EP Fantastic Negrito, dal primo disco, The Last Days Of Oakland, e brani tratti dal secondo ed ultimo LP, Please Don’t Be Dead, si prosegue a tutto groove verso il gran finale. Rant Rushmore è la quiete prima della tempesta del dittico Plastic Hamburgers e The Duffler: una bomba. Escono, ma l’applauso si trasforma subito in un coro a richiamare la band sul palco. Rientrati Negrito e soci salutano Milano con l’accoppiata Night Has Turned To Day/Bullshit Anthem, un inno di speranza in questo mondo di plastica, la luce alla fine del tunnel verso la quale camminare tutti insieme, lasciandoci guidare, tra l’altro, dalla voce del nostro Fantatsic Negrito.

La scaletta
My Time in L.A.
Bad Guy Necessity
Scary Woman
A Cold Novembre Street/Hump Thru the Winter
An Honest Man
A Boy Named Andrew
Transgender Bisquits
In the Pines (Oakland)
Dark Windows
Lost In A Crowd
Rant Rushmore
Plastic Hamburgers
The Duffler

Fonte: onstageweb.com -----> https://www.onstageweb.com/notizie/fantastic-negrito-milano-2019-foto-concerto-12-giugno/

Check Also

Vasco da record a San Siro: “Sono state sei serate memorabili”

Con il concerto di mercoledì 12 giugno si è conclusa la residency da record di Vasco a …